Study of two girls.....

Study of two girls.....
Francois Boucher

giovedì 26 giugno 2014

Mario Luzi, DONNA IN PISA



Donna in Pisa









Non sempre fosti sola con me, spesso guardavi
lunghe feste appassite nei canali
scorrere sotto i ponti inseguite dal tempo,
tra i pampini, tra i prati languidi e il lume
della sera discendere i fondali
e le spire del fiume.

E talvolta era incerto tra noi chi fosse assente:
spesso vedevi i limpidi tornei
snodarsi nelle vie sotto i soli d'inverno,
tra logge, tra fiori fumidi e il gelo
delle mura sospingere i trofei
nella luce d'Averno.

Donna altrimenti -e niente più simile alla vita-
calda d'impercettibili passioni
velata da un vapore di lagrime ideali
nel vento, sui ponti ultimi al fuoco
delle stelle apparivi dai portali,
dietro i vetri di croco.

sabato 21 giugno 2014

Mark Strand: HOPPER; UN POETA LEGGE UN PITTORE : " Hotel Room", trad. Damiano Abeni





EDWARD HOPPER / Hotel room/ Camera d'albergo






  L'atteggiamento della donna in Camera d'albergo, seduta sul bordo del letto, leggermente china in avanti, il modo in cui tiene la lettera con le mani appoggiate alle ginocchia, ci fa supporre che abbia letto la lettera molte volte e che lo notizie in essa contenute non siano buone. 

...L'angusto nitore della stanza, il bianco spietato delle pareti illuminate, le vivaci linee  verticali ed orizzontali compongono  una gradevole severità che contiene la viaggiatrice nell'attimo in cui si confronta con ciò che legge, probabilmente notizie che richiedono riserbo. In verità, la camera sembra un surrogato della rassegnazione della donna.

...In Camera d 'albergo veniamo condotti lungo un angusto corridoio formato dal letto e dal fianco del cassettone, ingombro di bagagli e scarpe, fino alla deprimente opacità della notte. E' stupefacente la rapidità con la quale siamo trasportati dalla donna seduta fino alla finestra e a ciò che rivela dell'esterno, o di ciò che c'è oltre o addirittura del fututo; nulla se non un riquadro nero, una conclusione immutabile, un luogo per un punto di fuga.




Mark Strand

Edward Hopper
Un poeta legge un pittore

Traduzione di Damiano Abeni
DONZELLI EDITORE
collana Saggi. Arti e lettere
anno 2003
formato
pp. VI-89, con 34 tavole a colori su carta patinata nel testo, rilegato
prezzo
€ 19,50
ISBN
9788879897822

giovedì 19 giugno 2014

Tradurre questa poesia è stato difficile, It was difficult to translate this poem.


Ma se a scrivere poesie sono i belli, è meglio? Amy Lowell era brutta, obesa e lesbica. E allora Leopardi?

La fine di Amy Lowell
Traduzione di Ipazia

Attraverso le echeggianti camere della mia mente
Io ascolto le tue parole in dolenti cadenze rintoccanti
Come una lenta distante campana che avvisi l'anima
Del buio che arriva e che separa. Incessanti, incalzanti
Per abbattere le resistenze, cadono di nuovo
Colpo dopo colpo, insistenti diastoli,
I colpi amari della verità, finchè il tutto
E' scolpito in fatti resi stranamente chiari.
Dove cercherò conforto? Non in te.
I nostri mondi si sono separati, i soli dei nostri spiriti
Divisi, e la luce del mio si offuscò.
Ora nel tormentato tramonto io devo fare
La tua volontà. Afferro la tazza che trabocca,
E con tremanti labbra ne tocco il bordo.

The End by Amy Lowell

Troughout the echoing chambers of my brain
I hear your words in mournful cadence toll
Like some slow-passing bell which warns the soul
Of sundering darkness. Unrelenting, fain
To batter down resistance, fall again
Stroke after stroke, insistent diastole,
The bitter blows of truth, until the whole
Is hammered into fact made strangely plain.
Where shall I look for comfort? Not to you.
Our worlds are drawn apart, our spirit's suns
Divided, and the light of mine burnt dim.
Now in the haunted twilight I must do
Your will. I grasp the cup which over-runs,
And with my trembling lips I touch the rim.

sabato 14 giugno 2014

LISBONA...e Le Isole Fortunate di F. Pessoa ( Ilhas Afortunadas)





Di ritorno da un bellissimo viaggio a Lisbona:


Que voz vem no som das ondas
Que não é a voz do mar?
E a voz de alguém que nos fala,
Mas que, se escutarmos, cala,
Por ter havido escutar.

E só se, meio dormindo,
Sem saber de ouvir ouvimos
Que ela nos diz a esperança
A que, como uma criança
Dormente, a dormir sorrimos.

São ilhas afortunadas
São terras sem ter lugar,
Onde o Rei mora esperando.
Mas, se vamos despertando
Cala a voz, e há só o mar.




Quale voce viene sul suono delle onde
che non sia la voce del mare?
È la voce di qualcuno che ci parla,
ma che se ascoltiamo tace,
proprio per esserci messi ad ascoltare.

E solo se mezzo addormentati,
udiamo senza sapere che udiamo,
essa ci parla della speranza
verso la quale, come un bambino
che dorme, dormendo sorridiamo.

Sono isole fortunate,
sono terre che non hanno luogo,
dove il Re vive aspettando.
Ma, se vi andiamo destando
tace la voce e solo c'è il mare.




mercoledì 11 giugno 2014

LEZIONI DI VOLO



FLYING LESSON
BY DOLORES HAYDEN

Focus on the shapes, Cirrus, a curl,
Stratus, a layer, cumulus, a heap.

Humilis, a small cloud,
cumulus humilis, a fine day to fly.

Incus, the anvil, stay grounded.
Nimbus, rain, be careful,

don't take off near nimbostratus,
a shapeless layer

of rain, hail, ice, or snow.
Ice weighs on the blades of your propeller,

weighs on the entering edge of your wings.
Read a cloud,

decode it,
a dense, chilly mass

can shift, flood with light.
Watch for clouds closing under you,

the sky opens in a breath,
shuts in a heartbeat.

FLYING LESSON
TRADUZIONE DI IPAZIA

Concentrati sulle forme. Cirrus, una spirale,
stratus, una cortina, cumulus, un mucchio.

Humilis, una piccola nuvola,
cumulus humilis, un buon giorno per volare.
Incus, l'incudine, sta ancorato a terra.
Nimbus, pioggia, sta attento,

non spogliarti vicino al nimbostratus,
un informe ammasso

di pioggia, grandine, ghiaccio, o neve.
Il ghiaccio pesa sulle lame della tua elica,

pesa sull'orlo delle tue ali.
Leggi una nuvola,

decodificala,
una densa, gelida massa

che si sposta, genera pioggia nella luce.
Osserva le nuvole che si chiudono sotto di te,

il cielo si apre in un respiro,
si chiude in un battito.