Study of two girls.....

Study of two girls.....
Francois Boucher

sabato 31 agosto 2013

KELVIN CORCORAN, Hotel Byron , da For the Greek Spring


Hotel Byron



From Hotel Byron the wind slips over red tiled roofs

bearing us back into port, one more day.

The red and black banners of the KKE

stretched tight as sails above each street,

— they think Lenin lives still in Moscow,

nobody tells them, so they think it still.

Above the sea, a village of old people,

— You Italiani? America? No, Anglos.

No bakery here, at night the dark sea speaks;

no pirates, no Turks, no baker.

Our faces sunk in Saronic blue,

we suffered confusion, the last car fading.

Small boats scud and arc across the bay of light

and you make those shapes with your mouth that I love.

*

Laconic

Kranai Marathonisi isle of fennel

one fisherman the still waters of Githyon

the sun rising

Kranai, Helen said, so

tell me now and I won’t ask again

and with morning they sailed into myth.

*

The choir of many voices sing

my heart is broken, oh

the bird flies from the clearing.11

How one sound, all my life I’ve heard

our mouths close around many shapes

possessed by death, by vengeance song.

Deepest octosyllabic land

oh my heart is, the sea rages

make me see what’s in front of my face.

*

In the fast channel of Despotikon

I married the sea, the gold circle sank

to surface in a dream all night.

Out of corrugated light; give it back.

Its white absence aches on my finger,

stolen from sense to the sea bed.

If I could work it out

I would know you again.

There is:

the apparent surface of the water;

the light in the body of the water;

the unknown ground under the water.

It sank because it was an object.

It cannot be lost, love has no weight.

It sank into irretrievable regret.

Give it back.

*

By Monday, at the end of the world,

falling in the dizzy air of Cape Matepan,

the lighthouse, the cornflowers alight like blue sparks,

no birds calling the last step down

drowns us into the submarine cave called hell.

You can get into hell. It’s not literature.12

Each separate light a white path on the sliding waves.

At the end of the world, ships pass bound for Crete,

blue devices low in the water following a strange trade.

We lost track of days and the meaning of number,

heads empty to the waves speaking the first language of sense;

island to island white spume ripples the shore,

a whole country rising up in free association.



Hotel Byron




Dall'Hotel Byron il vento scivola sui tetti di tegole rosse
riportandoci in porto, per un giorno ancora.
Gli striscioni rossi e neri del KKE
allungati e tesi come vele sopra ogni strada,
- credono che a Mosca Lenin sia ancora vivo,
nessuno glielo ha detto, così lo credono ancora.

Oltre il mare, un villaggio di vecchi.
- Voi Taliani? Mericani? No, Angli.
Non c'è fornaio qui, la notte il mare oscuro parla;
nessun pirata, nessun Turco, nessun fornaio.

I nostri visi sprofondati nel blu di Salonicco,
ci smarrimmo confusi, mentre l'ultima auto scompariva.
Minuscole barche caracollano e  attraversano rapide la baia di luce
e tu  con la bocca fai quelle piccole smorfie che amo.






Laconia

Kranae           Marathonisi        isola di finocchio
un pescatore                    l'acqua calma di Githyon
il sole che sorge

Kranae, disse Elena, allora
parlami presto e non chiederò più
e domattina partiranno verso il mito.

                                                    ***                                                     

Il coro di molte voci canta
il mio cuore è spezzato, oh
l'uccello vola dalla radura.

Come un unico suono, per tutta la mia vita ho sentito
le nostre bocche chiudersi intorno alle molteplici forme
possedute dalla morte, da una canzone di vendetta


Più profonda ottosillabica terra,
oh, il mio cuore è, le tempeste del mare
mi lasciano vedere  ciò che è davanti al mio volto.


***

Nel rapido canale di Despotico
ho sposato il mare, l'anello d'oro è affondato
per riemergere in un sogno durato tutta la notte.
Fuori dalla luce ondulata; datemelo indietro, vi prego.

Sul mio dito è acuto dolore la sua bianca assenza,
rubato dai sensi giù nel letto del mare.
Se solo  potessi riaverlo.
ti riconoscerei ancora.

Qui è:
la chiara superficie dell'acqua;
la luce nel corpo dell'acqua;
l'ignoto terreno sotto l'acqua.

E' affondato poiché era un oggetto.
Non posso averlo perduto, l'amore non ha peso.
E' affondato in un irreparabile rimorso.
Datemelo indietro, vi prego.


***




Lunedì, alla fine del mondo,
precipitando nell'aria vertiginosa di Capo Matepan,
il faro, i fiordalisi brillano come scintille blu,
nessun canto d'uccelli, l'ultimo gradino in basso
ci annega nella grotta sottomarina chiamata inferno.
Potete arrivare nell'inferno. Non è letteratura.
Ogni luce distinta un bianco sentiero sulle onde in arrivo.

Alla fine del mondo, la navi passano dirette a Creta,
congegni blu bassi nell'acqua dopo un inusuale commercio.
Abbiamo perduto traccia dei giorni e del significato dei numeri,
le teste vuote verso le onde che parlano il primo linguaggio del senso;
da isola ad isola la bianca spuma  increspa la riva,
un'intera nazione si rialza in libera associazione.











Questa poesia vive mentre agosto muore...


ALFONSO GATTO - NUDO

Godo in occhi marini
paeselli colorati
ai tuoi fianchi di carne.
Soffice nel vento dei capelli
ricrei orride forme
sul letto agitato del mare.
M'alzo in bavero di sonno
tra le rupi, fischiando gelido:
la mia testa di broncio
scava un abbraccio nelle sue spalle.


giovedì 22 agosto 2013

Riley...



Peter Riley




The sea noise ringing in our ears / the return a cadence 
of the departure or the song thus broken. Always at 
that opening to the whitechapelled sea the spirit enters 
its turbulence, and / little owls on the electricity wires.



Il rumore del mare ci risuona nelle orecchie / la strofa un ritmo
di ripartenza oppure  la canzone così interrotta. Già
 a quell'aprirsi verso il mare della bianca chiesetta lo spirito inizia
la sua agitazione, / e i piccoli gufi sui cavi elettrici.



Something almost forgotten, making possible a dazzling 
sanity / A buzzard swoops over an abandoned monastery 
garden in the hills, like a jet passing. ‘Whoosh!’ / 
Keeping an eye on the fig tree // Gods came this way 
and scored the earth / with our amalgamated desires / 
each for all / and the stars, struggling all day to get out 
of the sea. 


Qualcosa di quasi dimenticato, rendendo possibile una abbacinante
saggezza / Repentino dalla collina scende un bozzagro
 sul giardino di un monastero abbandonato , sibila / come passasse un aeroplano.
scrutando dall' alto un albero di fico // Gli Dei  arrivarono in questo modo
ed incisero la Terra  / con i nostri desideri mescolati /
ognuno per tutti / e le stelle,  tutto il giorno lottando per fuggire dal mare






martedì 20 agosto 2013

Ancora Riley...







...as the sea of Peter Riley is narrow, dark and obscure  ( J. Waldeen)


Greek Passages is a set of 105 prose-poems derived from four sojourns in Greece, mostly in the vicinity of Argos and thus at the hub of early Greek power. The structure is entirely diurnal, building each poem from the day’s events, so that cognizance of monumental historical figures and events infiltrate from outside into notes of fauna, ruins, the news, books about Greece or not, American music listened to, pleasant dinners, dreams of northern England etcetera. Two shorter stays on the west coast of the Peloponnese furnish beginning and ending sections of a gentler, more lyrical cast, and there are interruptive excursions, mostly to the remains of cities and wars. Everywhere what is presented to the eyes is the starting-point for a poetical process creating lenses in location and sense.
Greece is not elsewhere, it is there at the bottom of the garden; we speak it every day, and its stories are meshed into our meanings. The very words we use echo the passage of populations from east to west and back across Greece, entwined with further movements between Africa and the North . . . These things impinge centrally on rhapsodies of distance and peace.
                                                                                                                                                           
                                                                                                                                                          (Peter Riley)


And at evening the sky falcon stands over the bay / sun 
sinking into meaning. The lights go on in the houses / 
A man gets out of a boat onto the stones of the shore, 
walks over to the bar / and is recognised / A jovial 
shout goes up / embracing everyone, our welcome / A 
treaty is caught in the moment, and brought on into the 
dance / Slim as pencils, the leaves / throw themselves 
at the music.


Ed a sera il falco si leva alto sopra la baia / il sole
tramonta nel significato. Nelle case si accendono le luci /
Un uomo scende da una barca sugli scogli della riva,
cammina fino al bar / ed è riconosciuto / Si alza
un saluto gioviale / mentre ci abbracciamo, il nostro benvenuto /
 Un accordo è raggiunto all'istante, e portato nel
ballo / sottili come matite, le foglie / si gettano
nella musica




Thinking simple thoughts, like a dawn bird in my niche
I / set forth, stepping lightly / walking the shoreline,
testing the stability / of simple things, words, stones,
against each other, the light radiating between sea and
mountainside the air hot as blood / the very living
blood that bears our histories.



Ho in mente semplici pensieri,
 come un uccello dell' aurora nella mia nicchia
 Io /  mi metto in viaggio, calpestando leggero la battigia,
saggiando la stabilità / di cose semplici, parole, pietre,
una sull'altra, la luce che s'irradia tra il mare e
il fianco della montagna l'aria bollente come sangue / il vero
sangue vivo che sostiene le nostre storie.



Who was it, sailed from this harbour, who, / sailed out
/ together / Kelvin tell me / from this small harbour
that time / deep in the power / We threw all our money
into the sea // And what became of that / thing they
call love / what powers massed what quiet graves /
carried that emblem to the sides of the earth // Sea
surface tensed out, ultra- / marine against the white
walls, the wind ready, the boat edging out at the gap /
everything we ever owned / flung at eternity



Chi era colui, che salpò da questo porto,/  insieme a 
/chi salpò / Kelvin dimmelo / da questo porticciolo
quella volta / assorto nel potere / Noi gettammo in mare
tutto il nostro denaro // E cosa è accaduto di quella / cosa
che chiamano amore / quali poteri ammassati 
quali tombe silenziose /
recarono quello stemma ai lati del mondo // La superficie
del mare si calmò, blu oltremarimo contro le mura
bianche, il vento pronto, mentre la barca s'avanza verso il golfo /
ogni cosa che possedemmo / scagliata verso l'eternità

domenica 11 agosto 2013

Da GREEEK PASSAGES di Peter Riley, Argolide 2003




The narrow shore behind Lerna, barely room to walk between the sea and the tall fences of the orange groves / Cloudy day on the stones / and suffering shall cease / and we all return to a pre-Aurignacian repletion / end all this / advance, torment. // There is no path, it ends / squeezed between land and sea / a dark town across the bay / clumps of giant fennel, used in ancient
times for carrying fire, the pith inflammable and long burning, we trust it and it / ends and we turn back, one by one it ends. / Roy Fisher * hears me, up in the northern hills / and turns to pat / the dog that died.


Lerna shore / Panoramio




La stretta spiaggia dietro Lerna, spazio a malapena per camminare tra il mare e gli alti recinti degli aranceti /  Giorno nuvoloso sugli scogli / ed il dolore avrà fine / e tutti noi torneremo ad una sazietà pre- Aurignaziana / termine di tutto questo / progresso, tormento.// Non c'è sentiero, qui termina, stretto tra terra e mare / una città oscura oltre la baia / cespugli di finocchio gigante, usati nei tempi antichi per trasportare il fuoco,  la polpa infiammabile e che brucia a lungo, noi lo  crediamo e / qui termina  e torniamo indietro, uno alla volta qui termina. /  Roy Fisher mi sente, sulle colline a nord / e si volta per accarezzare / il cane che è morto.


______________________
Roy Fischer




giovedì 1 agosto 2013

Vi saluto con Pessoa


Jago mi ha inviato il siffatto sms : "todas  as cartas de amor sao ridiculas..."

"Tutte le lettere d'amore sono ridicole..."

E' una frase tratta da una poesia di Pessoa, l'ho cercata su un suo libro di poesie che ho ma non l'ho trovata.
Ma voglio dirvi questo, con le parole di Marco Missiroli che ne cura l'introduzione:
C'è un giorno che cambia la vita di Fernando Pessoa: è l'8 marzo 1914. Quel pomeriggio il poeta ventiseienne si avvicinò a un comò alto e, dopo aver preso un foglio e una penna, cominciò a scrivere in piedi. Scrisse trenta poesie di filato, guidato da un'estasi che non è mai riuscito a definire. Non firmò con il suo nome ma con "Alberto Caeiro", uno degli eteronimi che Pessoa utilizzò nella sua esistenza. Non un altro se stesso ma un frammento di sè con un'autonomia letteraria, morale, sentimentale e soprattutto percettiva.

Beh, se c'è un episodio che possa riassumere in sè l'essenza della poesia, è proprio questo. Non trovate?