Study of two girls.....

Study of two girls.....
Francois Boucher

sabato 20 ottobre 2012

Nicholas Moore , The Orange Bed, trad. A. Panciroli



The starting point was the first poem, “In the orange bed Miss Ollipester lies...”, which was published in 1945. Probably not very long after this Moore wrote “Outside the errant window weeps the yew...”. He added to the typescript a hand-written note pointing out that this is a completely different poem from its predecessor.. 
                                   ( Peter Riley)



 Un altra incredibile opera di Nichola Moore, dieci versioni della stessa poesia, amorosamente raccolte da Peter Riley : http://www.aprileye.co.uk/TheOrangeBed.pdf







THE ORANGE BED


Chocolate of rose, chocolate of violet
Finds each its way to that down-curving mouth;
A soft white hand hangs down
Over the dropping book, the tired eyes close
On thoughts of murder and wild dreams of youth...

                                                         Nicholas Moore


La cioccolata alla rosa,  la cioccolata alla violetta
trovano entrambe la strada per quelle labbra appena incurvate;
Una soffice mano candida  sospesa
sul libro che cade, i tuoi occhi stanchi  chiusi
su pensieri di morte e selvaggi sogni di gioventù...

                                         traduzione  di Alessandro Panciroli

giovedì 18 ottobre 2012

Nicholas Moore, SPLEEN, SPLEEN RESULTS


Torna Nicholas Moore con una ennesima versione di Speen di Charles Baudelaire...
Mancano solo poche versioni, il materiale tradotto è ancora allo stato grezzo, anche per la intrinseca difficoltà degli originali di Moore .


…over i ,200 entries from poets, playwrights, MPs,
bishops, generals, sixth-formers and students.”
                                                        
   The Sunday Times


Il vescovo ed il generale
sedevano presso  un ruscello sanguinoso.
Disse il vescovo al generale,
"Guarda, il sangue della mia vita se ne va...
Quell' acqua, dalla riva del torrente
fino a qui, sembra rossa come lava.

Ma nelle mie vene il sangue scorre verde 
perchè il sangue deve pur lasciare traccia.
" Che strano", disse il generale;
"  C'è qualcosa nella corrente:
Arde verde come uno scheletro,
scintilla come una sposa.
In tutta la mia vita non c'è mai stato
qualcosa più gentile dell'amore.
Eppure quando sento nitrire i cavalli.
Cosa starò sognando?"
" Tu stai pensando", disse il vescovo,
"E' l'effetto dello spleen.
Tu pensi a sanguinose scorrerie.
Io medito  sull'osceno-
E' il contrario del bello,
il contrario di quel che siamo:
Io con la mia sana compassione;
tu con la tua guerra santa."
" ma cos'è  questo spirito fortunato
che scende la corrente?
E' una colpa ereditata,
Un verde dentro al sangue?
Quando, da ragazzo, leggevo Baudelaire,
svenni  per quel desiderio malato"
" Ed io", replicò il vescovo,
" quasi subito presi fuoco.



Un classico pomenvylope di Nicholas Moore
Image from an essay of Martin Sorrel






Ho sentito il trapano del mondo;
il sangue che scorre nelle mie vene.
ma ora è è su quei flutti di carminio.
Soltanto il verde resta.
Il generale con la sua cancrena;
il vescovo con la sua sventura;
I parlamentari hanno i loro costituenti;
I poeti i loro versi dissanguati.
Gli studenti hanno la mente bloccata,
i commedianti hanno le loro file.
I laureandi  hanno il loro panico crescente,
e i docenti di Cambridge il loro blues.
Ma ancora scorre il fiume Lete,
e il Cam, la Cher ed il Tamigi dimenticato.
Mentre il vescovo e il generale
discutono della loro sorte.
E lo spleen ne è il risultato ed anche il verde
dalle loro colpe dentro il sangue.
Mentre il giovane scheletro di Baudelaire
scorre come fosse vivo lungo la corrente

domenica 14 ottobre 2012







The Shirt
by Jane Kenyon

La camicia tocca il suo collo
e gli scende lungo la schiena.
Gli scivola lungo i fianchi.
Gli scende persino sotto la cintura-
giù dentro i pantaloni.
Camicia fortunata.

Traduzione di Ipazia

The shirt touches his neck
and smooths down his back.
It slides down his sides.
It even goes down below his belt-
down into his pants.
Lucky shirt.

domenica 7 ottobre 2012

Federico Garcìa Lorca , El



EL

La vera sfinge
è l'orologio.

Da una pupilla nascerà Edipo.
Esso confina al Nord
con lo specchio
ed al Sud
con il gatto.
Donna Luna è Venere.

(Sfera senza sapore)

Gli orologi ci portano
inverni.

(Le ieratiche rondini
migrano d'estate)

L'alba si ritrova
con un'alta marea di orologi.

Traduzione di Ipazia

Questa di Ipazia è la back translation della mia traduzione inglese di El, qua sotto la traduzione originale


La vera sfinge è l'orologio.

Edipo nascerà da una pupilla
.Limita il nord
con lo specchio
e il sud
con il gatto.
Donna Luna è una Venere.

(Sfera senza sapore)

Gli orologi ci portano
gl'inverni.

(Rondini ieratiche
migrano d'estate)
L'alba ha una marea di orologI

Federico Garcìa Lorca, EL, trad.in inglese ( sic) A. Panciroli



Federico Garcìa Lorca

EL



The real sphinx
is the clock

From a pupil Oedipus will be born.
He limits the North
with the mirror
and the South
with the cat.
Dona Luna is a Venus.

( Sphere without flavour)

Clocks bring us
winters

(Hieratic swallows
migrate in the summer)

The dawn has
an high tide of clocks.


F.Garcìa Lorca en su adolescentia/ Una rèplica del espimario
Aguijarro (Antonio Guijarro  Morales)



La vera sfinge è l'orologio.

Edipo nascerà da una pupilla
.Limita il nord
con lo specchio
e il sud
con il gatto.
Donna Luna è una Venere.

(Sfera senza sapore)

Gli orologi ci portano
gl'inverni.

(Rondini ieratiche
migrano d'estate)
L'alba ha una marea di orologi






martedì 2 ottobre 2012

Paul Celan , TODESFUGE, MORTE, Toccata e fuga , trad. A.Panciroli



MARGARETE ,Anselm Kiefer. Oil and straw on canvas,
  Saatchi Collection, London (Web Museum)



Latte nero dell'alba lo  beviamo di sera
lo  beviamo di giorno  di mattina  lo beviamo di notte
beviamo e  beviamo ancora
scaviamo una tomba nell'aria  là non saremo troppo stretti
C'è un uomo nella casa che gioca con i suoi serpenti  e scrive
scrive quando cala il buio sulla Germania i tuoi capelli d'oro
                                                                                Margarete
lui scrive ed esce da casa  e tutte le stelle splendono
                                                              richiama i suoi mastini
rimette in riga i suoi Ebrei devono scavare una fossa nella terra
ci ordina di suonare, ci ordina di ballare


Latte nero dell'alba noi lo beviamo di notte
lo beviamo  al mattino e  il giorno lo beviamo di sera
beviamo e beviamo ancora
C'è uomo che gioca con i suoi serpenti e che scrive
scrive quando cala il buio sulla Germania i tuoi capelli d'oro
                                                                              Margarete
i tuoi capelli di cenere Shulamith scaviamo una fossa nell'aria là non saremo troppo stretti.


Lui urla scavate di più voi  e voialtri  cantate e suonate
afferra la cinghia del cinturone e la agita i suoi occhi sono così azzurri
affondate quelle pale bastardi e voialtri suonate e ballate


Latte nero dell'alba  lo  beviamo di notte
lo beviamo  mattina e e giorno lo beviamo di sera
beviamo e ribeviamo
c'è un uomo nella casa i tuoi capelli d'oro Margareta
i tuoi capelli di cenere Shulamith lui gioca con i suoi serpenti
Urla suonate la morte più dolcemente questa Morte è un maestro Tedesco
ci urla suonate più forte i vostri violini allora ve ne andrete come fumo nel cielo
avrete una tomba  una tomba nelle nuvole dove non saremo troppo stretti


Latte nero dell'alba  beviamo di notte
 lo beviamo di giorno la Morte è un maestro Tedesco
lo  beviamo di sera e al mattino beviamo e ribeviamo
questa Morte è un maestro Tedesco i suoi occhi sono azzurri
vi colpisce con una pallottola di piombo vi colpisce preciso
c'è un uomo nella casa i tuoi capelli d'oro Margarete
ci scaglia addosso i suoi mastini  ci concede una tomba nell'aria
gioca con i suoi serpenti  e sogna der Tod ist ein Meister aus Deutschland

dein goldenes Haar Margarete
dein aschenes Haar Shulamith


read more http://www.celan-projekt.de/todesfuge-englisch.html