Study of two girls.....

Study of two girls.....
Francois Boucher

mercoledì 27 giugno 2012

Kenneth Koch, A Schoolroom in Haiti, trad. A. Panciroli

fonte: meganwislow.com



Ad Haiti, Port au Prince, un uomo passeggia avanti ed indietro  per i corridoi della scuola
impugnando un frustino.
Oh, non lo usa mai, dice il preside. Il suo fine è solo quello
  di instillare la disciplina agli studenti.
Erano tutti ragazzi sui quattordici, quindici anni,
ragazzi in camicia bianca e pantaloncini corti. Stavano dritti in piedi
e non si sarebbero seduti finchè il Ministro della Educazione
non avesse fatto loro un cenno.
Si concentrarono molto duramente sulle idee che avevano dato loro
per scrivere poesie.
Dopo che i funzionari se ne furono andati, iniziarono a scrivere le loro poesie in Creolo.
Dopo quattro o cinque giorni venne loro chiesto di farsi avanti e cantare al
resto della classe le loro poesie in Creolo. Fecero così.
Questa prova non fu più ripetuta. Il governo divenne ancor più
repressivo.
Una poesia inizia " N sta per nera, Nina,  una negra  di cui ero pazzo"
Il compito era scrivere una poesia sui colori delle vocali o delle
   consonanti alla maniera di Rimbaud.
Cosa ne è di quelle poesie? Cosa ne è stato di quegli studenti?
Ho le poesie qui a New York. Ad Haiti avevo chiesto di insegnare a ragazzi di dieci anni
ma mi era stato detto
che non avrebbero potuto scrivere abbastanza bene. Il motivo era che non
conoscevano il francese
 così bene da poter scrivere poesie. La loro lingua  era
il Creolo,
la lingua che parlavano a casa, ma al Liceo Toussaint L' Ouvertoure
ed in ogni altra scuola, le lezioni erano in francese.
I ragazzi erano bloccati dietro alla lingua francese. Incombeva su di loro come un muro.
Bloccava tutto.
Bloccava la matematica, bloccava la scienza, bloccava la storia, bloccava la letteratura
mentre il creolo rimaneva indietro, cuocendo la poesia
ma questo era tutto. La maggioranza di loro, tranne per i pochi ragazzi ricchi
che potevano  studiare francese nel pomeriggio,
veniva fatalmente lasciata indietro.



Anch'io amo il Sud






VUELVO AL SUR (musica di Astor Piazzolla, testo di Fernando Ezequiel Solanas


Vuelvo al Sur                                                                  
como se vuelve siempre al amor                                      
vuelvo a vos                                                                    
con mi deseo, con mi temor.                                            


Llevo el Sur                                                                    
como un destino del corazon                                           
soy del Sur                                                                     
como los aires del bandoneon.                                        


Sueño el Sur 
inmensa luna, cielo al reves                                                    
busco el Sur                                                                                                             
el tiempo abierto y su despues.                                                                                                          


Quiero al Sur                                                                  
su buena gente, su dignidad                                             
siento el Sur                                                                    
como tu cuerpo en la intimidad.                                       


Vuelvo al Sur                                                                  
llevo el Sur                                                                     
te quiero Sur                                                                  
te quiero Sur                                                                  





                                                                  

martedì 26 giugno 2012

Translating Garcia Lorca... ( Piccole traduzioni del grande Federico). Traduzioni A. Panciroli

***************



Foto G. Pancirolli





da AIRE DE NOCTURNO

Tengo mucho miedo
de las hojas muertas,
miedo de los prados
llenos de rocìo.
Y voy a dormirme;
si me no despiertas,
dejarè a tu lado
mi corazòn frìo.

Que eso que suena
muy lejos?
Amor. El viento en las vidrieras,
amor mio!



I am so scared
of the failing leaves,
so scared of  the meadows
covered with dew.
I go to sleep;
if you do not wake me up,
I'll leave at your side
my heart so cold.


What is that sounds 
so far away?
Love. The wind on the windows,
my love!

lunedì 25 giugno 2012

Translating Garcia Lorca... ( Piccole traduzioni del grande Federico). Traduzioni A. Panciroli



"Sin Espinas" by Aguijarro (Antonio Guijarro Morales)




the danger is not
that he'll take over
my poems
but that when it happens
I won't  know...
                        from Translating Garcìa Lorca
                                   by Mark Statman

***            ***
da VELETA

Viento del Sur,
moreno, ardiente,
llegas sobre mi carne,
trayéndome semilla
de brillantes
miradas, empapado
de azahares...


Wind from the South,
burning and brown,
it runs on my flesh
it brings seeds
of luminous gazes
through orange 
blossoms fragrances....

***
 FRANJA

El camino de Santiago.
(Oh noche de mi amor,
cuando estaba la pàjara pinta
pinta
pinta
en la flor del limòn)

The Via Lattea. 
( Oh, the night of my love,
when a painted little bird
painted
painted
was on the blossom of lemon)


In lingua spagnola la Via Lactea è comunemente detta  " El camino de Santiago" (NdT)


***


AHORA EMPIEZA LA TARDE!

Ahora empieza la tarde!
Por que? Por que?
...Ahora mismo
he visto al dìa inclinarse
como un lirio.
La flor de la manana
dobla el tallo
...ahora mismo...
la raìz de la tarde
surge de lo sombrìo.

And now it is comin' the evening
Why? Why?
...right now
I  saw the day  leaning
as  the lily,
the morning flower 
reclines the stalk
...right now...
the evening root
arises from the shadow.










domenica 24 giugno 2012

FORSE DOVETE PROPRIO RILEGGERLA...


ALONE di Edgar Allan Poe

Fin dall’infanzia non ho creduto 
Come credean gli altri; non ho veduto
Come gli altri vedeano; trarre non potei
Da una comune primavera gli ardori miei.
Dalla stessa fonte non potei suscitare
Il mio dolore; io non potei svegliare
Il mio cuore alla gioia allo stesso modo;
E tutto ciò che amai, lo amai da solo.
Nella mia infanzia, nell’aurora
Di una vita tempestosa – fu tratto allora
Dal  più profondo male e bene
Il mister che  ancor mi tiene:
Dal torrente o dalla fonte,
Dalla rossa roccia del monte,
Dal sole che girò a me intorno
Nelle tinte d’oro dell’autunno,
Dal fulmine  nell’aria
Mentre su di me guizzava,
Dal turbine e dal tuono rombante,
Dai nembi che aveano il sembiante
(Quando il resto del Cosmo era blu)
Di un demonio a testa in giù.

Traduzione (impeccabile) di Ipazia

sabato 23 giugno 2012

LIKE I SAID by Adele Kenny , traduzione Alessandro Panciroli

***      ***

Okay, so it’s Sunday. I didn’t
go to church. I’m an Irish Catholic,
I know about sin, but I was tired and
just didn’t feel like getting dressed.

On Thursday night, I fell and broke
a slat from the garden fence. My
hip still hurts – the bruise is as big
as my Yorkie’s head.

That would have been enough, but
this morning the vacuum coughed up
a hairball and quit. The only food in
the fridge is a bearded yogurt.

The washing machine refuses to spin.
There’s no clean underwear left, so
I’m not wearing any. Like I said,
I was tired; I didn’t feel like getting

dressed, so I didn’t go to church and
abdicated rights to all that grace.
I put on a pair of dirty jeans, a dirty
shirt, and sat outdoors all morning.

I did nothing but talk to my dogs,
watch squirrels, and wonder what it
might be like to nibble Prozac from
Johnny Depp’s lower lip.








Bene, è Domenica. Non sono
andata a messa. Sono irlandese e cattolica,
so che è un peccato mortale, ma ero stanca e
non mi andava proprio di vestirmi


Giovedì sono caduta e  ho rotto
una stecca della recinzione del giardino.
Ancora mi fa male il fianco -Il livido è grande
come la testa del mio Yorkshire.

Poteva bastare mi sembra, ma
questa mattina l' aspirapolvere ha sputato
una palla di peli e mi ha piantato. Nel frigo
c' era solo uno yogurt scaduto

La lavatrice si rifiuta di funzionare. Non
c' era più niente di pulito, così
non  mi sono vestita. Come ho detto,
ero stanca: non mi andava di vestirmi

e allora non sono andata a messa e
ho rinunciato a tutta quella grazia divina.
Mi sono messa un paio di jeans sporchi,
 una maglietta e me ne sono stata fuori tutta la mattina.

Non ho fatto nulla, però ho parlato con i miei cani
ho guardato gli scoiattoli, e pensato quanto
sarebbe bello mordicchiare Prozac dal 
labbro inferiore di Johnny Depp.






and wonder what it
 might be like to nibble Prozac  from
 Johnny Depp' s lower lip




venerdì 22 giugno 2012

INTERLOPER by Susan Minot ,trad. Alessandro Panciroli

C' è un gatto sul tetto
col muso striato.
Ha il curioso sguardo circospetto
di un gatto che sa che questo posto
potrebbe essere abitato
da altri gatti.
Posso vederlo della finestra
un arruffo di pelo giallo  sul davanzale,
dietro lo stendino dove ho steso
tutti i miei tristi cappelli.
Alza la zampa e si scrolla via la pioggia.
Il muso  selvaggio e vero.
Per un breve attimo allevia
la pena che mi dà il tuo amore.


foto da TIANCHAT. com



There's a cat up on the roof
with stripes across his face.
He has the curious guarded look
of a cat who knows this place
may be inhabited
by other cats.
I see him through the window
past yellow tangles on the sill,
beyond the long pegged rack
of all my heartsick hats.
He lifts his paw and shakes off rain.
His face is wild and true.
For a moment he relieves me
of the pain of loving you.

giovedì 21 giugno 2012

LAST TANGO IN PARIS... or ADMIRING MONA LISA

Mona Lisa in 3d da World Classic Interactive Arts Exbition  a Pechino
Mona Lisa


Alcune note su un viaggio a Parigi; prima, la bella notizia, Parigi esiste ancora, poi quella brutta:  Parigi è stata invasa ( non è la prima volta,ma forse sarà l' ultima...).
 Invasa da un' orda selvaggia di turisti ( compreso me, ovvio), pronti a tutto pur di soddisfare la propria sete (o sarà fame?) inestinguibile di cultura e baguette.
Il Louvre li attende con una coda interminabile davanti alla magnifica piramide di Ieoh Ming Pei  ( i poveretti non sanno che da FNAC vendono i biglietti, di quasi tutti i musei compresso Versailles  con un minimo sovraprezzo, ma non lo dite a nessuno altrimenti la fila si trasferisce da FNAC!): infatti, pure essento tutti incollati ai vari Ipad, Ipod, cellulari vari e sapienti, nessuno di questi stramaledetti si prende la briga di leggersi la pur minima notizia relativa alla sopravvivenza  quotidiana del turista a Paris!
Sorpassata con immensa soddisfazione la fila degli sprovveduti ( molti entreranno al museo verso l'ora di chiusura) ci attendono le immense sale del Louvre, peraltro già abbastanza affollate ( probabilmente sono turisti entrati il giorno prima e smarritisi nel labirinto dell' enorme edificio, che ricorda la biblioteca de Il Nome della Rosa, con i suoi incomprensibili labirinti. Infatti le cartine del museo, lodevolemente distribuite per ogni dove dopo che un turista morì di sete e fame per essersi perso ( fu ritrovato  sotto la grande tela della   Zattera della Medusa di  Gericault),

(Le Radeau de la Méduse, Theodore Gericault

le cartine del museo, dicevamo, sono fatte dalla direzione del Louvre evidentemente solo   per i propri impiegati che si presume già conoscano il museo  molto bene ( ma non è detto); inoltre le sale chiudono in modo diverso ogni giorno tanto per rendere più emozionante la visita, o forse per costringere  i visitatori a scoprire opere altrimenti neglette. Consultando  la mappa, vi troverete comunque a  passare tre volte ( ma da direzioni diverse) per le stesse sale . Io, mio malgrado, ho appreso tutto sulla cultura assiro babilonese e ora so anche leggere i caratteri cuneiformi ; in realtà le preziose tavolette non parlano affatto di noiosi elenchi amministrativi come ipotizzato da pedanti archeologi, bensì di piccanti storie di sesso e tradimenti, una sorta di Novella 3000 cuneiforme, senza foto ovvio...

Mappa del Louvre for dummies

Tutte le guide consigliano di non visitare il Louvre in una sola giornata; fregatevene! e buttatevi nella marea; tanto si sa, siamo tutti qui solo per La Gioconda, ce ne frega assai delle antichità orientali, egizie, islamiche, greco etrusche e romane, tanto meno della storia del Louvre, Louvre medievale, Louvre moderno, sculture e dipinti di ogni epoca e di ogni dove, arti grafiche e ceramiche ed altre corbellerie del genere.
Datece la Gioconda, solo quella vogliamo vedere e ... fotografare!

sabato 16 giugno 2012

OOOPS Scusate il ritardo! Sorry for the delay!













Perishable, It Said          by Jane Hirshfield
Perishable, it said on the plastic container,
and below, in different ink,
the date to be used by, the last teaspoon consumed.

I found myself looking:
now at the back of each hand,
now inside the knees,
now turning over each foot to look at the sole.

Then at the leaves of the young tomato plants,
then at the arguing jays.

Under the wooden table and lifted stones, looking.
Coffee cups, olives, cheeses,
hunger, sorrow, fears—
these too would certainly vanish, without knowing when.

How suddenly then
the strange happiness took me,
like a man with strong hands and strong mouth,
inside that hour with its perishing perfumes and clashings.

Deperibile, Diceva
Deperibile, diceva sul contenitore di plastica,
e sotto, in inchiostro differente,
la data di scadenza, l’ultimo cucchiaio consumato.

Mi ritrovai a guardare:
ora ai palmi delle mani,
ora all’interno delle ginocchia,
ora sollevando i piedi per guardare alla suola.

Poi alle foglie delle giovani piante di pomodori,
poi alle ghiandaie in discussione.

Sotto il tavolo di legno e le pietre sollevate, guardando.
Tazze di caffè, olive, formaggi,
fame, dolore, paure-
anche queste sarebbero certamente svanite, senza sapere quando.

E all’improvviso in quel momento
la strana felicità mi pervase,
come un uomo con mani e bocca forti,
dentro quell’ora con i suoi deperibili profumi e rumori.

Traduzione di Ipazia





sabato 9 giugno 2012

Un attrattore strano, uno strano attrattore: NICHOLAS MOORE, SPLEEN, SONG

Un attrattore strano, uno strano attrattore: NICHOLAS MOORE, SPLEEN, SONG:


 Corruptions in green veins...  
N



(“Grün, grün... die Welt ist grün
Über über Die Jungfrau”)

Il marrone macchia le grigie vene
petalo d' iris
sul baldacchino del mio letto:
fresca bellezza




THE UNTELLING, Mark Strand / LA DENARRAZIONE trad. A Panciroli ( Unica traduzione italiana on line)++



Lucio Fontana , Attese, waterpoint on canvas







He leaned forward over the paper
and for a long time saw nothing.
Then, slowly, the lake opened...




Si piegò sul foglio
e per molto tempo non vide niente.
Poi, lentamente, il lago si aprì
come un occhio bianco
e lui si sentì un bambino,
giocava con i cugini,
c' era un prato
ed un filare di alberi
giungeva fino all' acqua.
Era un tiepido pomeriggio d 'Agosto
e c' era un festa
che iniziava.
Si piegò sul foglio
e scrisse:

I waited with my cousins across the lake...


Aspettavo con i miei cugini oltre il lago,
e guardavo gli adulti passeggiare sulla riva lontana
lungo la sponda all' ombra degli olmi. Faceva caldo.
Il cielo era sereno.  Io ed i cugini restammo
per ore tra i grossi rami, guardavamo
i nostri genitori, e sembrava che nulla sarebbe iniziato
nelle loro vite per farle cambiare , neanche l' uomo
che correva sul prato. agitava un foglio
di carta ed urlava. Si mossero al di là delle richieste
del tempo, oltre qualsiasi notizia vi fosse,
e non videro il buio che iniziava a diventare profondo
tra gli alberi e i cespugli,  e risalire nelle pieghe
dei  vestiti e sul bianco inamidato
delle loro camicie. Come onde giungevano
risate sull' acqua fin dove noi bambini stavamo a guardare.
Una scena che non era nostra. Noi eravamo
troppo lontano, e presto ce ne saremmo andati.

He leaned back
How could
the scene was not his?



Si sedette.
Come poteva sapere
che non era sua la scena?
L'estate era con lui,
le voci erano tornate, e vedeva i volti.
Il giorno era iniziato prima della festa;
la mattina era piovuto
e all' improvviso era tornato il sole.
Gli orli dei vestiti erano bagnati.
Le scarpe degli uomini luccicavano.
C' era una nuvola a forma di mano
che si abbassava piano.
Non c' era modo di sapere
perchè ci fossero momenti in quel pomeriggio
in cui il prato sembrava vuoto, o perchè ancora
si sentissero  le voci degli adulti.
Prese quel che aveva scritto
e lo mise da parte.
Si sedette e scrisse di nuovo:


We all went to the lake, over the lawn...



Ce ne andammo tutti verso il lago, sul prato,
camminavamo senza dire una sola parola. Lontano
dalla casa,  dove gli olmi  ci facevano ombra.
Il sole si alzava, sollevando l' umidità,  e faceva
risplendere il lago come una lamina chiara avvolta
dalla foschia. Ci sedemmo e guardammo l' acqua, poi
ci addormentammo sull' erba. Faceva più freddo.
Il vento scuoteva gli alberi. Restammo sdraiati così a lungo da immaginare
una mano che scostava le foglie cadute dai nostri volti.
Ma non era  autunno , e alcuni di noi, i più giovani,
si alzarono e andarono sull' altra riva del lago
a fissare gli uomini e le donne che dormivano; gli uomini
con le bianche camicie inamidate, le donne nei vestiti  dai colori chiari.
Li guardammo tutto il pomeriggio. E un uomo uscì di corsa
dalla casa, urlava e sventolava un foglio.
E chi dormiva si alzò come se non fosse accaduto niente,
come se la notte non avesse iniziato a muoversi
tra gli alberi. Sentimmo le loro risate, dopo
i loro sospiri. Si sdraiarono ancora, e l' oscurità  cadde
sul prato e li nascose. Per quanto ne possiamo sapere
erano ancora là, le braccia incrociate sul petto,
gli abiti inamidati ormai gualciti. Non siamo più tornati.


He looked at what he had written...

Guardò quello che aveva scritto.
Quanto mancava ancora?
E perchè era diventato buio proprio allora?
E non era solo quando aveva guardato gli altri
sdraiati sul prato?
Guardava fisso fuori dalla finestra,
sperando che la gente vicino al lago,
il lago stesso, sarebbero svaniti.
Voleva andare oltre il suo passato.
Pensò che l'uomo
che correva sul prato gli sembrava familiare.
Guardò quello che aveva scritto
e si domandò come avesse attraversato il lago,
e se i suoi cugini fossero andati con lui.
Qualcuno aveva chiamato?
Qualcuno aveva alzato una mano per un saluto?
Quel che aveva scritto non gli diceva niente.
Lo mise da parte e ricominciò:


I waited under the trees in front of the house...



Attesi sotto gli alberi di fronte alla casa,
non pensando a nulla, guardando il bagliore del sole
sul tetto. Non sentii nulla,non provai
nulla, anche quando lei apparve in un lungo
abito giallo, scarpe bianche a punta, i capelli
raccolti stretti in una crocchia; anche quando
lei mi prese la mano e  mi condusse lungo il filare
di alti alberi verso il lago là dove gli altri si erano riuniti,
gli uomini nelle camicie inamidate, le donne in
abiti estivi, i bambini che guardavano l' acqua.
Anche allora, la mia vita sembrava lontana
come se stesse aspettando che io la scoprissi.
Mi tenne per mano, mi condusse verso l ' acqua.
L' orlo del suo abito era bagnato. Non disse nulla
quando mi lasciò con i miei cugini e  raggiunse
gli altri  che se ne stavano insieme. Io sapevo, tra parentesi,
che avevano detto che qualcosa sarebbe successo, che qualcuno di noi,
i più giovani, se ne sarebbero andati quel pomeriggio
e non sarebbero più tornati. Camminavo nel bosco
verso l' altra sponda del lago, le loro voci svanirono
nel fruscio di foglie e rami nel sottobosco.
Mi allontanai,  ma non aveva senso andarsene.
Mi sedetti a guardare la scena oltre il lago,
guardavo e non facevo nulla. Piccole onde di risa
si allargarono sull' acqua per poi morire.
Non ero commosso. Anche quando l' uomo
corse attraverso il prato gridando, io non feci nulla.
Era come se il vento trascinasse l' oscurità
dagli alberi fin sull' erba. Gli adulti se ne stavano
insieme. Non avrebbero mai lasciato quella riva.
Guardai la donna in giallo il cui nome
avevo iniziato a dimenticare e che aspettava con
gli altri e guardava fisso verso di me
ma non poteva vedermi. Già la luna piena
era sorta lasciando cadere  le sue ceneri bianche nel lago.
E la donna e gli altri cominciarono lentamente
a spogliarsi, e  le lievi folate di vento
sciacquarono loro la pelle, i corpi splendettero pallidi
per un breve momento tra le ombre finchè si sdraiarono
sull' erba madida. E tutti i bambini se ne erano andati.
E questo è tutto. Ed anche allora non provai
nulla. Seppi che non avrei mai più rivisto
la donna nel suo vestito giallo,
e che la scena vicino al lago non si sarebbe ripetuta,
e che quella estate sarebbe stata un luogo troppo distante
per trovarmici di nuovo.
Sebbene abbia tentato di ritornare, mi sono sempre
trovato qui, dove sono ora. Il lago
esiste ancora, ed anche il prato, ma le persone
che dormirono qui in quel pomeriggio non si sono più viste da  allora.




It bothered him,
as if too much had been said...


Questo lo preoccupava,
come se troppo fosse stato detto.
Avrebbe preferito
il lago senza alcuna storia
o nessuna storia e nessun  lago.
La sua ricerca era una forma di evasione:
più tentava di scoprire
più c' era qualcosa da nascondere
meno capiva.
Se avesse proseguito,
avrebbe perso tutto.
lo sapeva
e ricordò quel che poteva -
sempre da lontano,
sull' altra sponda del lago,
o oltre il prato,
svaniva per sempre, sempre lì.
E la donna e gli altri lo avrebbero salvato
e lui li avrebbe salvati.
Mise la mano sul foglio.
Avrebbe scritto una lettera all' uomo
che correva sul prato.
Avrebbe detto quello che sapeva.
Mise la testa tra le braccia e cercò di dormire.
Sapeva che  la notte una volta era arrivata,
che qualcosa era accadutouna volta.
Voleva sapere,ma non voleva sapere.
Forse qualcosa era accaduto
in un pomeriggio d'agosto.
Forse lui era là o aspettava di essere là,
aspettava di attraversare un prato
verso un lago dove delle persone  guardavano
oltre l'acqua.
Sarebbe arrivato correndo
e sarebbe stato ormai tardi.
Le persone sarebbero state addormentate.
I loro bambini sarebbero stati lì a guardarli.
Lui avrebbe portato quello che aveva scritto
poi si sarebbe sdraiato con gli altri.
Sarebbe stato l' uomo
che era diventato, l' uomo
che avrebbe corso attraverso il prato.
Ricominciò:

I sat in the house that looked down on the lake...


Sedevo nella casa che dà sul lago,
sul prato, i boschi accanto al prato. Sentiì
i bambini vicini alla riva, le loro voci si alzarono
là dove  nessun ricordo del luogo sarebbe mai giunto.
Io guardai le donne, gli uomini vestiti in bianco, passeggiavano
nella calura di agosto. Chiusi la finestra
e li vidi passare atttraverso il vetro velato,
ogni volta più lontano. Gli alberi iniziavano
a scurirsi ed i bambini se ne andarono. Vedevo
l' acqua svanire in lontananza nell' ombra grigia
dell' erba e del sottobosco  di là del lago.
Ho pensato di vedere i bambini seduti, guardavano
i padri e le madri in una lento corteo lungo
la riva. Le forme tra gli alberi cambiavano.
Avrebbe potuto essere un bambino quello ho visto, il suo viso.
Avrebbe potuto essere solo il mio volto  che mi guardava.
Mi sentivo scendere  dentro il futuro.
Guardavo oltre il prato, di là dal lago,
oltre il buio in attesa, la fine dell' estate,
la fine dell' autunno, l' aria gelida, il silenzio,
e ancora, di nuovo, il vetro della finestra. Io ero
dove ero, dove sarei stato, e dove sono.
Guardai gli uomini e le donne mentre l' occhio
bianco del lago cominciava a chiudersi e sprofondava
nel blu, infine nel nero. Era troppo tardi
per poter chiamare i bambini. Giacevano sull' erba
mentre il vento soffiava e cadevano le prime foglie.
Avrei voluto dir loro qualcosa. Vidi me stesso
correre, agitare un foglio, e poi gridare,
dire a tutti loro che avevo qualcosa da dare loro,
ma quando arrivai se ne erano andati.





He looked up from the paper


 Alzò gli occhi dal foglio
e vide se stesso nella finestra.
Era una sera d' agosto
ed era stanco,
gli alberi oscillavano
il vento scosse la finestra.
Era tardi.
Non era importante.
Non avrebbe mai potuto raggiungere
il suo passato. La sua vita
rallentava.
Se ne andava.
Ne aveva coscienza,
poteva sentirlo nel suo discorso,
Poteva sembrare nulla,
tuttavia l' avrebbe tramandata.
E i suoi figli avrebbero vissuto in essa.
anche loro l' avrbbero tramandata,
e sarebbe sempre sembrato
come se la speranza morisse, che lo spazio si aprisse,
come un prato, o un lago,
 un pomeriggio.
E il dolore non avrebbe potuto darle
il senso che mancava;
Non c' era alcun dolore,
soltanto la scomparsa.
Ma perchè aveva iniziato allora?
Era stanco,
e cadde in un sonno profondo,
e dormì dove si trovava,
e dormì senza sognare,
così quando si svegliò
gli parve che nulla fosse accaduto.
 Il lago si aprì come un occho bianco,
gli olmi si alzarono sul prato,
ed il sole sopra gli olmi.
Era come se lo ricordava -
la bruma, il buio, la calura,
i boschi sull' altra sponda.
Sedette a lungo
e vide che erano arrivati
e stavano sul prato.
Lo aspettavano,
guardando la finestra dabbasso.
Il vento scompigliò loro i capelli
ma nessuno si mosse.
Aveva paura di seguirli.
Sapeva cosa sarebbe accaduto.
Sapeva che i bambini  si sarebbero allontanati
che lui si sarebbe sdraiato con i loro genitori.
Ed ebbe paura.
Quando si voltarono
e camminarono fino al lago
tra l' ombra proiettata dagli olmi
I bambini si allontanarono davvero.
Li vedeva lontano, appena
oltre il lago, e si chiede se qualcuno
un giorno sarebbe tornato
proprio lì dove lui trovava adesso.
Vedeva  gli adulti sul prato,
iniziavano a distendersi.
E volle avvisarli,
dire loro ciò che sapeva
Corse fuori dalla casa in direzione del lago,
sapeva che sarebbe stato troppo tardi,
che l' avrebbero lasciato solo
a continuare.
Quando arrivò al lago
se ne erano andati,
ed era solo nel buio
non poteva parlare.
Restò immobile.
Sentiva il mondo ritrarsi
dentro le nuvole,
nei ripiani di aria.
Chiuse gli occhi.
Pensò al lago,
ai muri di alghe.
Pensò alla falena addormentata
nella polvere delle sue ali,
al pipistrello appeso negli alberi cavi.
Sentì in quel momento di essere
più del suo bisogno di sopravvivenza,
più delle proprie perdite,
perchè lui era meno di qualsiasi cosa.
Oscillava avanti ed indietro.
Il silenzio era dentro di lui
e aumentava come la gioia,
come l' inizio.
Quando aprì gli occhi,
il silenzio dilagava, i fogli
di buio sembravano senza fine,
i fogli che aveva tenuti ben stretti in mano.
Volse le spalle e camminò verso la casa.
Arrivò nella stanza
che dava sul prato.
Si sedette ed iniziò a scrivere:

                                                         
                                                               THE UNTELLING
                                                 To the Woman in the Yellow Dress


        Frederic Leighton  Flaming June,1895, oil on canvas
 Ponce Museum of Art , Ponce, Puerto Rico.









giovedì 7 giugno 2012

NICHOLAS MOORE, SPLEEN, A KING AT THE POOL

Prima di affrontare la traduzione dell' ennesima ( non se ne può più) versione di Spleen  volevo sottolineare la complessità dei riferimenti  che vi sono racchiusi.
 Motivo principale de A KING AT THE POOL  è  sicuramente il Galles  , the wet English county , ed alcuni suoi  personaggi, ovviamente a noi sconosciuti , tranne Richard Burton, for the reading voice of...
Per non appesantire la poesia con un apparato di note a piè di pagina, abbiamo inserito direttamente il link nel corpus della poesia. Come  è ovvio, le indicazioni delle note sono puramente indicative; aspettiamo vostri ulteriori suggerimenti...






                     A KING AT THE POOL

(“Yes,—absolutely”, said Myfanwy to Morfydd.”
         —Rhys Angeloglou; Corruption in Classic Guys)

(for the reading voice of Richard Burton)

I am like the David ap-Gwilym of a wet English county,
Well-greased, but gormless, ancient, but randy,
Fed up with the tutelage of my old Welsh masters,
Bored with the pit ponies and collies and tip disasters.
Nothing can make such a chap happy, not chasing the fox
Nor stoning the village Dylan among the rocks;
Nor can the absurd abandon of the Tonypandy choir
Distract him from the disease that’s like hell-fire
In his belly. His flag-strewn bed’s a tomb.
His Megs and Lilies—for whom each poet’s a bomb—
Can’t find a torn enough blouse or skirt to put on
To get a rise from this young skeleton.
His Da, who’s made him gold, can’t extirpate
Its corrupting heritage of in-bred hate.
The Roman jousts of bloodlust, which remain
Through centuries to thrill old hearts again,
Can’t warm young Dai' s cadaver, which instead
Of blood sucks the green water of the dead.

Swingsby Swingsby-glamis-Swingsby
c/o The Wild Hart’s Council,
late of St. James’ Square,
now in with-it Piccadill.

(“Je suis comme le Roy Roy Goodman mais je suis mauvais— commeIthell' s Gouffres Amers
 —o quel malade!—ou les impuissants de M.Tchelitchew.—Vive
l’Amer!—mauvais comme Le Jazz Hot ou les dring-a-drings de Django,
ou Bill Coleman de Paris  trompetant des tutoyers auau Hugue, ce grosse Panassié —comme
M. Baggot, Le Maggot de Charlee Boule cle L’Air—ou le bink-bink double
d’Henri Millaire — ou le Roi-Roi s’amuse d’habitude comme un Bubu d’Ubu—
roi et moi.)

from Le Go-Go de M. Apostrophaire
par Jacques-Jacques Prevelle

martedì 5 giugno 2012

NICHOLAS MOORE, SPLEEN , KING BOBO OF URINOCO, trad. Ipazia







Una bellissima traduzione di Ipazia ,sempre da Spleen di Nicholas Moore:




KING  BOBO OF URINOCO


“Why don’t you come with me
To the Isle of Kitchymiboko?”
—On the Isle of Kitchymiboko
pop song of the ‘thirties, sung
by Maxine Grey with Hal Kemp’s band)

Sono come il re di un qualche paese piovoso,
Ricco, ma impotente e dalle mani fredde;
Che rigetta la cura dei suoi preti servili,
Tediato dalla compagnia di cani e altre bestie.
Nulla può renderlo felice-croquet o cacciare-
Tantomeno il piacere del genocidio durante l’attacco,
E il gracchiante canto del suo Armstrong privato
Non lo distoglie da questo malato sentore del male.
Il suo letto adorno di gigli è come una tomba
E le sue donne – per cui ogni principe è un poema-
Non trovano un costume indelicato abbastanza
Da strappare un sorriso a questo giovane bozzolo avvizzito.
L’erudito che conia le sue monete non può
Liberarle dalla loro corrotta influenza. I bagni
Di sangue che i Romani vollero ed i loro postumi-
Imitati, nella loro vecchiaia, dai nostri potenti, non può riportare
Il calore della vita in questo corpo che è morto; -
Dove stilla, invece del sangue, verde acqua d’urina del Lete.

G. Martian-Foldero
G. Martian-Foldero, do Shell-Eel Wild Oil Preservation Trust,
James “Humanist” Fisher-King, c/o B.B.C. P.O. Box IAA, W. I
(for the attention of the MacBeth-Blood-Hand-Bimpany Consortium




And his playgirls —for whom each prince is a poem —
Can’t find an indelicate enough costume
To dredge a smile from this shrivelled young cocoon



New York World Telegram Monday May 20th 1935
Evelyn Dall to open tonight in "Parade" at the Guild Theatre,
photographed attired (or unattired) for a "Vanities" show.



sabato 2 giugno 2012

What Grief Comes To, by Adele Kenny, traduzione A.Panciroli



What Grief Comes To
            For Les

     By Adele Kenny


A different light follows the fields. 
Hawthorn blossoms whiten the earth – 
delicate, brief – like snow on water. 
There are badgers in the wood, the 

swallows home and nesting. Life, 
as you said, is – with or without us; 
you were gone before this bright
blooming, your room dark, the 

kennel empty. I want to tell you 
about the peonies, the evening air 
tipped with scent, everything green. 
Friend, I understand your grief 

and what it came to – no moral or 
metaphor, only the absolute truth 
of that moment: the step ladder 
placed, the rope in your hand.








ILTUO DOLORE    
        per Les

Traduzione di Alessandro Panciroli      


  Una diversa luce sfiora e disegna i campi.
Delicati e fragili i fiori del biancospino
come neve sull'acqua imbiancano la terra.
Nel bosco sono arrivati i tassi e 

ai nidi tornano le rondini. La vita,
come una volta hai detto, è, con noi o senza di noi;
te ne sei andato prima di questa splendente
fioritura, e la tua stanza è buia,

il canile deserto. Vorrei parlarti
delle peonie , dell' aria profumata
della sera, di tutto questo verde intorno a noi.
Amico, comprendo il tuo dolore

ed il suo significato, non la morale 
o la metafora, solo la assoluta verità
di quel momento: tu che sistemi
la scala, il cappio nelle tue mani.  




You might also like


tradurre-e-tradire
voyage-to-cythera-chares-simic-trad.
mark-strand-spanish translations by Zaidenwerg
il-rifiuto-giorgos-seferis.
due-poesie-di-charles-simic-