Study of two girls.....

Study of two girls.....
Francois Boucher

lunedì 28 febbraio 2011

ZAIDENWERG anche in inglese

What love does unto poets

isn’t tragic: it’s atrocious. A shameful
ruin strikes the poets seized by love,
which is indifferent to poetic preference or
identity. Love drives them to the absolute catastrophe
of sameness, the gay poets,
the bisexual poets, the pansexual poets,
the feminist or femi-not poets and poetresses,
the ones obsessed with gender
and the degenerates in equal measure, the polymorphously perverse:
even the ones who have a fetish for
the metric feet surrender at the soles of love,
which doesn’t care for ideology,
poetics, or curriculum. It sends the bards
of the ivory tower plunging directly
to the ground floor. It permits the apostles
of the Zeitgeist, who shamelessly proclaim that lyric poetry
is dead, to insist on the error
and on their own interminable sermons. It triggers palatal hemorrhage
in those who bend oblique, laconic maxims,
in the tin-can hermetics, in those who vacuum-pack
their verses, in falsifiers of silence,
in those who forge Spanish haiku
in the Italian mode. It chokes the sweet laments
of the purists of voice, and snaps the phalanxes
of those fanatical with rhythm, and shatters
the private metronome they carry near the heart
to set the pace of their lines. It adjusts the sensorium
of the clairvoyants and the damned and all the other
rebels and insurrectionaries with no poetic
cause or purpose, and cures them of the reasoned disarray
of all their senses. It drives from their dark night
those begging light for the poem
in the caverns of meaning and returns them directly
to the late show of the literal flesh. What love
does unto poets, with patience, with tenderness,
while butterflies languidly ulcerate their stomachs
and, little by little, the pancreas ceases to function,
is highly inconvenient. For those who seek, with a surgeon’s exactitude
and diligence, the perfect word, it wrecks
their pulse; instead of giving life, they crush it in their zeal.
And for those who, with ardor and devotion, pursue
an absolute within the poem, as if a grail
made out of light, translucent, terse, and feverish,
it clouds their certainties, and then the very desire
to quench their anxiety. What love
does unto poets, inadvertently,
while they sew and they sing and choke on quails, is sudden, terminal
and devastating. It is a crushing tide
of prose, which urges on and multiplies, in exponential increase,
the boors and the blockheads of poetry:
the ones who needlessly shorten their tiny lines,
those who compulsively enjamb them;
the typographical designers of verse,
and those who fracture syntax without knowing how
to twist it; the ones who rummage in the ether, searching out
unprecedented and inaudible neologisms; the modernists
without pretext; the ones who think the wheel
is reinvented within each stammering line;
the porno-poets and the damn-the-man poets;
the poets who drop names throughout
the forests of their poems, as Hansel and Gretel flung
breadcrusts; the ones who shape their empty voices to imitate
the gestures of lobotomized children;
the lovely, happy, fickle poets;
the urban tribes, the groupies of pubescent poems;
the popstar and the rockstar poets; videopoets and performers;
the UFO-poets, both flying and crawling, though well-identified;
objectivists sans object
and sans vista; those poets who insist that poems
should dress in rags, like beggars; the philosopher poets;
and the convinced practitioners
of “poetic prose.” For love,
which moves the sun and all the other poets,
it brings them to the final paroxysm: it turns them
to earth, to smoke, to shadow and to dust, et cetera:
to dust in love.
And it if it comes to be that still, among themselves,
the paired poets adoringly adore each other,
happy in their solar unscanned love,
as if they truly were for one another
a great black hole of nebulous opinions,
tacit pats on the back and comments made in passing,
like dwarves, cooling down, they are each absorbed into the other
and disappear.

English translations by Robin Myers

domenica 27 febbraio 2011

FUNERAL BLUES
Un sacco di volte un film fa conoscere o ricordare una poesia al grande pubblico. Questo è accaduto con “Quattro matrimoni e un funerale” che è una commedia romantica britannica del 1994 diretta dal regista Mike Newell che è stata un successo inaspettato, diventando il primo film britannico per incassi al botteghino nella storia del cinema, con un ricavo di 244 milioni di dollari. Quando l’ho visto per la prima volta (dato che l’ho visto sicuramente una ventina di volte!) non ho mai smesso di ridere. Quante volte vi è capitato, nella vita, di vedere una commedia romantica autenticamente divertente? E quante volte vi è capitato, nella vita, di ascoltare disquisizioni sull’amore che non siano autenticamente devastanti per stupidità e idiozia? Infatti uno dei pregi del film è la sceneggiatura che è di Richard Curtis e che fila via liscia come l’olio! Ironica, divertente, intelligente. Il film mi ha fatto conoscere (poichè non la conoscevo affatto, se non in qualche verso) la poesia di W.H. Auden “Funeral blues”. Eccola qua.
It happens very often that a movie makes us know or remember a poem.This is what happened with “Four weddings and a funeral” that is an English romantic comedy directed in 1994 by Mike Newell. The movie was an unexpected box-office hit with a revenue of 224 million dollars. When I watched it for the first time (I have watched it twenty times at least!) I’d been laughing all the time. How many times in your lifetime did you watch a romantic comedy that was authentically amusing? And how many times did you listen to discussions about love that weren’t authentically stupid and idiot? In fact one of the qualities of this movie is the screenplay by Richard Curtis that is simply perfect, ironic, funny and intelligent. And, thanks to “Four weddings and a funeral” I knew a poem (of which I knew only some verse) that is W.H. Auden’s “Funeral Blues”.
FUNERAL BLUES di Wystan Hugh Auden
Stop all the clocks, cut off the telephone,
Prevent the dog from barking with a juicy bone.
Silence the pianos and with muffled drum
Bring out the coffin, let the mourners come.
Let aeroplanes circle moaning overhead
Scribbling on the sky the message He is Dead,
Put crépe bows round the white necks of the public doves,
Let the traffic policemen wear black cotton gloves.
He was my North, my South, my East and West,
My working week and my Sunday rest,
My noon, my midnight, my talk, my song,
I thought that love would last forever: 'I was wrong'
The stars are not wanted now, put out every one;
Pack up the moon and dismantle the sun;
Pour away the ocean and sweep up the wood.
For nothing now can ever come to any good.


sabato 26 febbraio 2011

Quello che l' amore causa ai poeti, E. Zaidenwerg, traduzione A. Bisonni, Arr. poetico A. Pancirolli


Quello che l' amore causa ai poeti 
non è tragico: è atroce. Una triste
rovina tocca ai poeti che l' amore cattura,
poco importa il loro orientamento o identità
poetica. L' amore porta al totale disastro
della uniformità i poeti gay,
i poeti  pansessuali e bisestili  (1)
le poetesse e poetrici, ipocrite o sincere.
e quelli ossessionati dal genere
e ugualmente i degenerati, ed i perversi polimorfi:
ed anche i feticisti dei piedi
del verso si arrendono di fronte all' amore
che non distingue tra ideologia,
poetica e programmi. Ai profeti della torre d' avorio
getta a capofitto dal loro attico eburneo. Agli apostoli
del Zeitgeist, che proclamano senza vergogna che la lirica è morta,
permette di  perseverare nell' errore
e nelle loro prolisse tirate. Causa una emorragia palatale
a coloro che piegano casti aforismi diagonali,
agli ermetici di latta, a coloro che riempiono
di vuoto i loro versi, ai falsari del silenzio,
e a coloro che traducono  haiku castigliani
all' italico modo.  Ai puristi della voce  recide
il loro dolce lamentare, e ai maniaci del ritmo
taglia le falangi, e storpia
l' intimo metronomo che portano vicino al cuore 
e marca il ritmo dei loro versi.  Resuscita
i ciechi, gli sfortunati e tutti gli altri
insofferenti e ribelli senza motivo o causa
poetica, e  cura il disordine ragionato
di tutti i sentimenti. Sommuove dalla notte oscura
coloro che  chiedono luce per la poesia
nelle caverne del sentimento , e li  restituisce senza soste
alla notte fonda della carne letterale. Ciò che  l' amore
fa ai poeti,  con pazienza e gentilezza,
mentre le farfalle lentamente ne rodono lo stomaco
ed il pancreas poco a poco smette di funzionare,
è alquanto fastidioso. A quelli che cercano con impegno
e precisione da chirurghi  l'esattezza nella parola
rovina il polso,  ed invece di darle vita, nel suo sforzo la distrugge.
E a coloro che con ardore e devozione perseguono
l' assoluto nella poesia, come un Graal 
tutto di luce, tesa, diafana e febbrile,
annebbia le certezze e lo stesso desiderio
di placare l' ansia. Ciò che inavvertitamente,
l'amore fa ai poeti, mentre  beati si ingozzano di pernici, è acuto,terminale,
fulminante. E' un torrente travolgente
di prosa, che stimola e moltiplica, con progressione esponenziale,
i bifolchi e gli imbecilli della poesia:
quelli che senza ragione tagliano i propri versi modesti;
i cavalieri compulsivi;
i disegnatori tipografici del verso,
coloro che spezzano la sintassi senza saperla
trasformare; coloro che  scavano l'etere alla scoperta di inauditi                                                                            inascoltabili  neologismi;    
i moderni senza scuse; coloro che credono di scoprire
fuochi artificiali nei propri versi balbuzienti;
i contestatori automatici, i porno poeti;
coloro che spargono grandi nomi per le fronde
dense delle proprie poesie,  come Hansel e Gretel  lasciavano
briciole;coloro che impostano nella loro voce
vuota i dispiaceri di una lobotomizzata infanzia;
i poeti belli e felici, capricciosi;
le tribù urbane e le groupie della poesia pubescente;
i poeti pop e le rock-star del verso; i videopoeti ed i performers;
gli ufo-poeti, in volo o rasoterra, identificati;
gli oggettivisti senza oggetto
nè sguardo; coloro che pretendono che la poesia
si vesta da mendicante; i filosofi poeti;
e i cultori convinti della "prosa poetica": L'amore,
che muove il sole e gli altri poeti,
li porta fino all'estremo parossismo; li trasforma
in terra, in fumo, in ombra, in polvere, eccetera;
in polvere innamorata.
E se pure risulta che tra loro
si amano amorosi i poeti pari,
felici nel proprio amore solare senza scansione,
come se fossero fatti davvero l' uno per l'altro,
un buco nero di opinioni nebulose,
taciti colpetti sulla schiena e commenti al loro passaggio,
stelle nane che, raffreddandosi, si assorbono tra di loro
e scompaiono. *




Blogger zaidenwerg said...
Lo de "enanos enfriándose" tiene que ver con la cita anterior de Dante ("amor / que mueve al sol y a los demás poetas"), porque las enanas blancas son estrellas del tipo del sol que ya no producen energía, y que están condenadas a enfriarse lentamente hasta desaparecer.
 

Lo que el amor les hace a los poetas, Ezequiel Zaidenwerg

Poeti e poetiche messi alla berlina in una poesia che sotto il velo dell' ironia nasconde una feroce critica e una stupefacente conoscenza delle varie tendenze poetiche.




Ezequiel Zaidenwerg



Lo que el amor les hace a los poetas 

no es trágico: es atroz. Les sobreviene
una luctuosa ruina a los poetas que el amor captura,
sin importar su orientación o identidad
poética. El amor lleva al total desastre
de la uniformidad a los poetas gay,
a los poetas pansexuales y bisiestos,
y a las poetas y poetrices feministas, fementidas o veraces;
a los obsesionados con el género
y a los degenerados por igual, y a los perversos polimorfos:
y hasta los fetichistas de los pies
del verso capitulan a las plantas del amor,
que no distingue ideología,
programa ni poética. A los vates de la torre de marfil
los precipita del penthouse ebúrneo
directo a planta baja. A los apóstoles
del Zeitgeist, que proclaman sin empacho que la lírica está muerta,
les permite insistir en el error
y en sus prolijas parrafadas. Les produce una hemorragia palatal
a los que comban parcos aforismos diagonales,
a los herméticos de lata, a los que envasan
sus versos al vacío, a los falsarios del silencio,
y a los que fraguan haikus castellanos
al itálico modo. A los puristas de la voz les corta en seco
su dulce lamentar, y a los maniáticos del ritmo
les quiebra las falanges, y estropea
el íntimo metrónomo que llevan junto al corazón
para marcar el paso de sus versos. Les compone el sensorio
a los videntes y malditos y demás
rebeldes e insurrectos sin razón ni causa
poética, y les cura el desarreglo razonado
de todos los sentidos. Desaloja de su noche oscura
a los que piden luz para el poema
en las cavernas del sentido, y los devuelve sin escalas
a la trasnoche de la carne literal. Lo que el amor
les hace a los poetas, con paciencia y mansedumbre,
mientras las mariposas lentamente les ulceran el estómago
y el páncreas poco a poco deja de funcionar,
es harto inconveniente. A los que buscan con ahínco
y precisión de cirujano la palabra justa les arruina
el pulso, y en lugar de dar la vida, la aniquilan en su afán.
Y a los que con ardor y devoción persiguen
un absoluto en el poema, como un grial
todo de luz, tirante, diáfana y febril,
les nubla las certezas, y el deseo mismo
de saciar su ansiedad. Lo que el amor
les hace a los poetas, inadvertidamente,
mientras cosen y cantan y se atoran de perdices, es agudo, terminal
y fulminante. Es un torrente arrollador
de prosa, que espolea y multiplica, en progresión exponencial,
a los zopencos y palurdos de la poesía:
a los que cortan sin razón sus versos diminutos;
a los jinetes compulsivos;
a los diseñadores tipográficos del verso;
a los que quiebran la sintaxis sin saber
torcerla; a los que escarban en el éter a la busca de inauditos neologismos inaudibles;
a los modernos sin pretexto; a los que creen descubrir
la pólvora en sus versos balbucientes;
a los contestatarios automáticos y a los porno-poetas;
a los que sueltan grandes nombres por la densa
fronda de sus poemas, como Hansel y Gretel arrojaban
migas; a los que impostan en su voz
vacante los mohines de una infancia lobotomizada;
a los poetas bellos y felices, caprichosos;
a las tribus urbanas y los groupies de la poesía pubescente;
a los poetas pop y los rockstars del verso; a los videopoetas y performers;
a los ovni-poetas, voladores o rastreros, identificados;
a los objetivistas sin objeto
ni vista; a los que exigen que el poema
se vista de mendigo; a los filósofos poetas;
y a los cultores convencidos
de la “prosa poética”. El amor,
que mueve el sol y a los demás poetas,
los lleva hasta el postrero paroxismo: los convierte
en tierra, en humo, en sombra, en polvo, etcétera:
en polvo enamorado.
Y si resulta todavía que entre ellos
se aman amorosos los poetas pares,
felices en su amor solar sin escansión,
como si fueran en verdad el uno para el otro
un agujero negro de opiniones nebulosas,
tácitas palmaditas en la espalda y comentarios al pasar,
enanos, enfriándose, se absorben entre sí
y desaparecen.


Qua sotto il bellissimo blog
zaidenwerg.blogspot.com

venerdì 25 febbraio 2011

GiuseppeCesaroPoeta e NataKarla: il diavolo e l'acquasanta


il Blog di nataKarla


 Ma non ero ancora un poeta e la poesia era di un poeta francese 
anche se  
dissi che l' avevo scritta  io...

                                    Giuseppecesaropoeta, il Blog                                  
                                          
                                                                

lunedì 21 febbraio 2011

Qual è il vostro rapporto con il tempo?

Questa poesia l’ho scritta il 26 gennaio 2010. Mi piace annotarmi il giorno in cui scrivo una poesia, anche perché ho sempre avuto poca memoria per le date. C

’è chi ricorda anno, giorno e persino ora di un qualche avvenimento che gli è capitato; per me, invece, il tempo è una spirale, un labirinto in cui è facile perdersi.

Ricordo poco della mia infanzia, ricordo poco di tutto. Non ricordo mai abbastanza…

What is your relationship with passing time?

I wrote this poem on the 26th of January 2010. I usually take a note of the day in which I write a poem because I can’t remember dates.

Do you remember the facts of your life? Can you put them in their chronological order?

I can’t. I remember very little and when I do it, I can’t put the facts in their appropriate place. For me passing time is a labyrinth into which it’s easy to lose oneself.

And for you?

26.01.10

Inconsistentemente

Tutto è così privo di senso.

Se tutto è fatto per passare

a qual fine mi dovrei sforzare

di capire

di andare avanti e indietro con la mente

collegando il passato col presente

se niente serve a niente.

Se niente serve a niente

l’alitare della morte sulla mente

persistente e impertinente

è fatto per durare e per mostrare

che niente serve a niente.

Tutto quello che oggi a me appartiene

un giorno, prima o poi, dovrò lasciare

può darsi che a dettarmi le parole

che qui leggete

sia il mio ascendente

o uno stato momentaneo della mente

ma ciò che so

è che niente serve a niente.

Persino la parola a me sembra inconcludente

in quanto del tutto inconsistente

a fronte del nonsense del presente.

Prendi ciò che puoi che tanto poi

andartene dovrai dal tuo presente.

Vai avanti impertinente

ma tienlo bene a mente. (Poesia di Ipazia)

But not Iago. If he can't control the game, he won't play.

Alessandro/Iago Carnevale 2012
fonte Wikipedia Commons 
(nell' ingradimento notare le grinze
della calzamaglia...)
                                                                               
In the last scene of the play, after Iago's treachery has been revealed, Othello says to Lodovico, "Will you, I pray, demand that demi-devil / Why he hath thus ensnared my soul and body?". Iago's reply is famous. He says, "Demand me nothing: what you know, you know: / From this time forth I never will speak word" Most criminals, when they are cornered and can not longer plead innocent, try to explain themselves so that their sentence will be lighter, but not Iago. If he can't control the game, he won't play.

                       excerpt from Shaskespeare Navigators- Othello

Nell' ultima scena della tragedia, dopo che la congiura di Iago è stata scoperta, Otello chiede a Lodovico - Vorresti, ti prego, domandare a quel demonio perchè ha voluto prendermi al laccio, anima e corpo?- La replica di Iago è nota: - Non chiedetemi nulla: quello che sapete, sapete. Da questo momento non dirò più una parola-.
Molti criminali ,messi alle strette e non potendosi più proclamarsi innocenti, cercano di scusarsi per ottenere clemenza, ma non Iago. Se non può controllare il gioco, non giocherà più.

                                                                          

           
K.Branagh / Iago

                                                                 

domenica 20 febbraio 2011

Replay: un post del 25 settembre. 5 LOMBRICHI E UN PIZZICO DI PREVERT

Ripropongo qui un post già inserito in precedenza.
La maestra che me lo ha ispirato se ne è andata , le cetonie sono volate vie, non so dove siano le chiocciole, la lumaca è andata a l'enterrement, il centopiedi corre ancora, invano. 
Sono rimasti i lombrichi, compagni di donne e di avventure; stasera si beve!


5 lombrichi, compagni di donne e di avventure
2 larve di cetonia, da cullare in un fiore
2 chiocciole, una per uno, amore
1 lumaca," a l' enterrement d' une feuille morte
                  deux escargot s'en vont..."*
1 centopiedi, per correre da te , col batticuore.

* Da " Chanson des escargot qui vont à l'enterrement "
   di Jacques Prevert

L' idea per questa piccola poesia me l'ha data  la lista di un terrario che una maestra aveva preparato per i suoi alunni...

5 lombrichi
2 larve di cetonia
2 chiocciole
1 lumaca
1 centopiedi

sabato 19 febbraio 2011

No fue fingido el grito de mi orgasmo, Non era falso l' urlo del mio orgasmo

Luisa Kaufman 

Informazioni personali

Nació en La Plata, hace 30 años. Se inició precozmente en la literatura, en solitario. Actualmente es alumnita de Ramón Paz, con quien mantiene fluidos intercambios (epistolares).


No fue fingido el grito de mi orgasmo
la vibración carnal hecha sonido
la traducción de un íntimo latido
el viaje a la garganta del espasmo
no fue exageración ni mero juego
fue puro automatismo inusitado
cual reflejo animal recuperado
la vida en avalancha sobre el ego
que no pensó y por tanto se deshizo
en cuerdas que vocales e inconscientes
impúdicas obscenas inocentes
sonaron desde el fondo del hechizo
volví y te ví en tu viaje silencioso
tus ojitos en blanco qué gracioso



Non era falso l' urlo del mio orgasmo
la vibrazione carnale fatta suono
la traduzione di un folle batticuore
il viaggio per la gola dello spasimo
non fu esagerazione o solo un gioco
fu un puro automatismo inusitato
come un riflesso animale ritrovato
la vita una valanga sul mio ego
che non pensò , indi divenne
corde  che vocali e inconscienti
impudiche, indecenti ed innocenti
risuonarono incantate dal profondo
mi girai e ti vidi assorto nel tuo viaggio
i tuoi occhi nel vuoto scintillanti.

                                                                           Traduzione A. Pancirolli 



Foto da Titeres Porno


















                                          TITERES PORNO
                           

giovedì 17 febbraio 2011

Mario Incudine - Vuccuzza di Ciuri ( Bocca di Rosa)




Era chiamata vuccuzza di ciuri
faceva l’amuri, faceva l’amuri
e lu faceva di tutti i maneri
di ‘ncapu, di sutta, davanti e darreri.


Quannu scinniu a la stazioni
Di un paesiddu cca vicinu
Si n’addunarunu vecchi e carusi
Ca ugn’era un monicu ne un parrinu

C’e cu lu fa picchì cci siddia
C’e cu ‘nveci si cci ni preja
Vuccuzza di ciuri ne l’unu ne l’autru
Ppi didda l’amuri è na puisia.

Ma la passioni unni ti fa ghiri
A fari li cosi ca fannu piaciri
Senza capiri su ‘u disgraziatu
E zitu,schettu o maritatu.

Ed accussì ca di oggi a dumani
Vuccuzza di ciuri unn’avi cchiu spassu,
mentri ca tutti ddi cani arraggiati
ci iettanu ‘u Sali a chiuirci ‘u passu.

Ma li cummari d’un paiseddu
Talianu ‘ntunnu e unn’hanu cchi fari
E mentri ca perdunu a corda e lu sceccu
Su rusicanu sulu l’ossa cc’o sali.

Si sapi ca ‘a genti duna cunsigliu
Sintennusi cumu Dominneddiu
Grapunu a’a vucca ma all ’occurrenza,
un sanu diri mancu piu.

Accussi ‘na vecchia schittusa e acita,
senza né figli e senza cchiù vogli,
si pigliò ‘u culu a puzzuluna
e ghiva dittannu la so dottrina.

Si la pigghiava ccu li cornuti,
dicennuci a tutti mali paroli:
cu rubba l’amuri avrà punizioni
di carrabbunera e guardi riali.

Currerru tutti a parlari ch’è guardi
Ci dissiru senza menzi paroli
dda tappinara avi troppi clienti
Chiossà di chidda ca vinni pani
E arrivarru quattru gendarmi
Ccu li cappedda e ccu li pennacchi
Arrivarunu ‘ncapu e cavaddi
ccu li pistoli e li scupetti

ma puru i sbirri e i carrabbunera
un fanu mai u propriu duviri,
ma quannu si misiru l’alta uniformi
l’accumpagnarunu alla stazioni.

Alla stazioni c’eranu tutti
dai guardi riali o sagristanu
Alla stazioni c’eranu tutti
Ccu l’occhi vagnati e ‘u cori in manu
A salutari cu ppi tanticchia
Senza pritenniri e senza aviri
A salutari cu ppi du jorna
Purtò l’amuri ne ddu quarteri

c’era un cartellu ranni
e l’occhi chini ‘i pena
dicivunu addiu vuccuzza di ciuri
ccu ti si ni và la primavera.

Ma na notizia di sta purtata
Un’avi bisugnu di carta stampata
Cumu lu metri e lu pisari
Fici lu giru di lu quartieri.
Alla stazioni ca veni d’appressu
dal sito notsomebody.com
C’è chiossà genti di chidda ca lassu
C’e cu s’asciuca l’occhi di chiantu
Cu si prenota p’un mumentu.

E puru u parrinu ca murmuriava
Si dici mutu ‘na santa orazioni
E sta Madonna china ‘i biddizzi
a voli accanto pp’a procissioni.
E cu la Vergini in prima fila
Vuccuzza di ciuri manu ccu manu
Si porta appressu ppi lu paisi
L’amuri sacru e chiddu buttanu!

mercoledì 16 febbraio 2011

Che dire? Se non è poesia questo testo di Tom Waits cosa lo è?

What can I say? Are these lyrics by Tom Waits poetry, aren't they?

GRAPEFRUIT MOON

Grapefruit moon, one star shining, shining down on me.
Heard that tune, and now I'm pining, honey, can't you see?
'Cause every time I hear that melody, well, something breaks inside,
And the grapefruit moon, one star shining, can't turn back the tide.

Never had no destination, could not get across.
You became my inspiration, oh but what a cost.
'Cause every time I hear that melody, well, something breaks inside,
And the grapefruit moon, one star shining, is more than I can hide.

Now I'm smoking cigarettes and I strive for purity,
And I slip just like the stars into obscurity.
'Cause every time I hear that melody, well, puts me up a tree,
And the grapefruit moon, one star shining, is all that I can see.

LUNA DI POMPELMO

Luna di pompelmo, una stella che brilla, brilla sulla mia testa.
Ho udito quella melodia e mi struggo, non lo vedi, dolcezza?
Poiché, ogni volta che odo quel suono, qualcosa mi si rompe dentro,
e non può invertire la marea quella stella e quella luna di pompelmo.

Non arrivai mai in nessun posto, non ebbi mai una destinazione.
E a che prezzo tu diventasti la mia ispirazione.
Poiché, ogni volta che odo quel suono,qualcosa mi si rompe dentro, ed è più di ciò che posso nascondere quella stella e quella luna di pompelmo.

Ora fumo sigarette e lotto per la verità,
e scivolo come le stelle dentro l’oscurità.
Poiché, ogni volta che odo quel suono, mi ritrovo ad un ramo appeso,
e la luna di pompelmo e una stella che brilla, è tutto ciò che vedo. (Traduzione di Ipazia)




martedì 15 febbraio 2011


QUESTA E’ UNA VECCHIA STORIA
Ci ho sempre pensato su molto e poi un giorno andai a vedere il film “Il favoloso mondo d’Amelie” di Jean-Pierre Jeunet. In questo film c’è una voce narrante che, ad un certo punto, afferma che fallire la propria vita è un diritto inalienabile. Io, nella mia vita, ho conosciuto due o tre persone che, intenzionalmente, hanno fallito la propria vita ed ho sempre provato per loro, se non repulsione, perlomeno fastidio, in quanto pensavo che era troppo facile rintanarsi in un angolo a piangere su se stessi e sul proprio infelice destino, addossando tutta la colpa agli altri. Ma l’affermazione contenuta nel film di Jean-Pierre Jeunet mi fece dubitare delle mie sicurezze.
E' davvero così? E' vero che fallire la propria vita è un diritto inalienabile? E poi ho trovato la poesia di Charles Bukowski "Be Kind".
E voi? Voi che ne pensate?
THIS IS AN OLD STORY
I’ve always thought about it much and, then, one day, I watched the film “Le fabuleux destin d’Amélie Poulain” by Jean-Pierre Jeunet. In this film there’s a narrator who, suddenly, states that wasting one’s life is an inalienable right. I have known, during my lifetime, some people who, intentionally, wasted their lives and I found them very irritating since it seemed to me it was too simple to hole up and cry upon oneselves and one’s unhappy destiny, always putting the blame on other people. But the statement contained in the film by Jeunet made me doubt my certainties.
Is it really so? Is it really true that wasting one’s life is aninalienable right?
And then I found the poem by Charles Bukowski "Be Kind".
And you? What do you think about it?
BE KIND BE KIND
we are always asked                                 sempre ci chiedono
to understand the other person's               di capire il punto di vista
viewpoint                                                    degli altri
out-dated                                                    fuori moda
foolish or                                                  stupido o
obnoxious.                                               ripugnante.
one is asked                                              sempre ci chiedono
to view                                                      di guardare
their total error                                         al loro totale errore
their life-waste                                         alla loro vita sprecata
with                                                         con
kindliness                                                 gentilezza,
especially if they are                                specie se sono
aged.                                                        vecchi.
but age is the total of                               ma l'età è la somma dei
our doing.                                                nostri atti.
they have aged                                        sono invecchiati
badly                                                       male
because they have                                   perchè hanno
lived                                                        vissuto
out of focus,                                            fuori fuoco,
they have refused to                               essi hanno rifiutato di
see.                                                        vedere.
not their fault?                                       non è colpa loro?
whose fault?                                           di chi è la colpa?
mine?                                                      mia?
I am asked to hide                                  mi chiedono di celare
my viewpoint                                          il mio punto di vista
from them                                               a loro
for fear of their                                      per paura della loro
fear.                                                       paura.
age is no crime                                      l'età non è un crimine
but the shame                                        ma la vergogna
of a deliberately                                    di una vita
wasted                                                  deliberatamente
life                                                        sprecata
among so many                                    tra così tante
deliberately                                           vite
wasted                                                  deliberatamente
lives                                                      sprecate
is                                                           lo  è.                           
                                                                                        (Traduzione di Ipazia)

                                  

ALBERTO PANCIROLI ,LIBRAIO a COLORNO "Gavem magnà di gatt..!!"

L' ingresso della libreria Panciroli
Fame da morire. "Bella la polenta coi gatti, una cosa meravigliosa" gongola a ripensarci Alberto Panciroli, il barbiere che ora fa il libraio a Colorno.
" Si prendevano i gatt, si tirava il col, si tirava via la pelle, e poi si metteva sotto la neve a frollare.
Buon Dio, gavem magnà di gatt...!!!"  Così Alberto raccontava a Carlo Petrini  (quello di Slow Food) in una intervista a Repubblica,  una rivisitazione del Grande Padre PO La Domenica di Repubblica Viaggio sul PO.
 Ed è un vero uomo della Bassa, il Panciroli, classe 1930, naturalmente comunista da subito, varie volte vice sindaco ed assessore di Colorno (Pr), dapprima barbiere, poi , a causa di un rovinoso incidente di moto, reinventatosi libraio. A Colorno. Anzi nella Reggia di Colorno . Prima cosa che incontri entrando nel palazzo: la libreria di Alberto, stracolma di libri, zeppa di libri, rigurgitante di libri!  Due comode poltrone di fronte allo scranno del Panciroli,  che vi scruta ironico per capire se siete veri amanti dei libri o solo emeriti rompibàl.
 Ed è meglio che i libri vi piacciano davvero, sopratutto quelli che consiglia lui!


Da diversi anni si occupa della manifestazione SENTIERI di CARTA,  dove sono stati presentati , tra gli altri,
“Il commissario Soneri e la mano di Dio” di Valerio Varesi
 “Terra madre. Come non farci mangiare dal cibo” di Carlo Petrini
 “I grandi astronomi di Parma all'epoca del Ducato” a cura del Gruppo astrofili argonauti di
Parma
 “Camilla e il rubacuori” di Giuseppe Pederiali
 “Il perimetro dell'anima. Poesia” di Stefania Rabuffetti
 “Geografia descrittiva e storica degli stati parmensi, preceduta da nozioni generali di geografia”
 “L'urlo del grano” di Luca Cantarelli.;  

stracolma di libri, zeppa di libri, rigurgitante di libri...!

Afferma, e forse è vero, che per organizzare  gli eventi ed incontri che nella sua libreria e a Colorno non mancano mai, gli basta alzare la cornetta del telefono e dire: " Sono  Alberto Panciroli, Libraio a Colorno".
Così sono arrivati  Veltroni, il procuratore Castelli, la Mafai, anche il Presidente Napolitano, ma questa è una altra storia, domani lo chiamo e me la faccio raccontare...

Grazie, Alberto. Ok?   


Alberto e i suoi amati libri



Ho chiamato Alberto, mi ha raccontato la storia: "  Dovevo presentare nella mia libreria a Colorno un libro degli Editori Riuniti, "Il piano a mediotermine," Napolitano era allora il responsabile per l' economia per il Pci, chiesi ed   ottenni (non avevo  dubbi) che venisse ad illustrare il libro.  La conferenza era prevista per il pomeriggio, Napolitano arrivò la mattina, e allora lo portammo a  pranzo  in una trattoria vicino all'argine del Po; dopo, una bella passeggiata sulla Strada Alzaia. Era settembre , il sole feroce,  mi preoccupavo che a Napolitano non si ustionasse il cuoio capelluto o si prendesse un colpo di sole, invece era , come al solito
imperturbabile, giacca e cravatta, mentre i due compagni sindacalisti che gavevan  magnà e bevù tropp, in maniche di camicie sudavano e smoccolavano...


veri amanti dei libri o solo emeriti rompibàl...


                                                   

sabato 12 febbraio 2011

QUESTA E’ UNA VECCHIA STORIA

Ci ho sempre pensato su molto e poi un giorno andai a vedere il film “Il favoloso mondo d’Amélie” di Jean-Pierre Jeunet. In questo film c’è una voce narrante che, ad un certo punto, afferma che fallire la propria vita è un diritto inalienabile. Io, nella mia vita, ho conosciuto due o tre persone che, intenzionalmente, hanno fallito la propria vita ed ho sempre provato per loro, se non repulsione, perlomeno fastidio, in quanto pensavo che era troppo facile rintanarsi in un angolo a piangere su se stessi e sul proprio infelice destino, addossando tutta la colpa agli altri. Ma l’affermazione contenuta nel film di Jean-Pierre Jeunet mi fece dubitare delle mie sicurezze.

E’ davvero così? E’ vero che fallire la propria vita è un diritto inalienabile? E poi ho trovato la poesia di Charles Bukowski “Be Kind”.

E voi? Voi che ne pensate?

THIS IS AN OLD STORY

I’ve always thought about it much and, then, one day, I watched the film “Le fabuleux destin d’Amélie Poulain” by Jean-Pierre Jeunet. In this film there’s a narrator who, suddenly, states that wasting one’s life is an inalienable right. I have known, during my lifetime, some people who, intentionally, wasted their lives and I found them very irritating since it seemed to me it was too simple to hole up and cry upon oneselves and one’s unhappy destiny, always putting the blame on other people. But the statement contained in the film by Jeunet made me doubt my certainties.

Is it really so? Is it really true that wasting one’s life is an inalienable right?

And then I found the poem by Charles Bukowski “Be Kind”.

And you? What do you think about it?

BE KIND

we are always asked

to understand the other person’s

viewpoint

no matter how

out-dated

foolish or

obnoxious

one is asked

to view

their total error

their life-waste

with

kindliness,

especially if they are

aged.

but age is the total of

our doing.

they have aged

badly

because they have

lived

out of focus,

they have refused to

see.

not their fault?

whose fault?

mine?

I am asked to hide

my viewpoint

from them

for fear of their

fear.

age is no crime

but the shame

of a deliberately

wasted

life

among so many

deliberately

wasted

lives

is.