Study of two girls.....

Study of two girls.....
Francois Boucher

sabato 14 aprile 2018

LEO ZANIER, Cartufulas, da “Poesia in viaggio”, Edizioni del Menocchio, 2012

                                                                 


Foto Danilo De Marco





Cartufulas 



Da picjul d’atom mi tocjava

sentât su un scagnut

devant al grum das cartufulas

apena sforcjadas e tratas

dai geis su’na bleòn ta cort

inmȏ plenas di cjera

e umidas di umȏrs

vej di sielgi

chês grandas par sem

e da mangjâ par nȏ

e lassâ chês picjulas

pa’i purcits



gjavadas e metudas tai cos

chês plui grandas

dal puign di gno pari

-no tropas ma a’ndera-

e po dal gnȏ

e po di un mêl

e po di un ȏf

e po e po e po

mi’n restavin dȏs o trê

e no savint ce decidi

las cjalavi scuintiât:

una como un bromp picjul

una como un bromp grant

il purcit al sarés

muart di fan

se me mâri ridint

e alcjant una certa cartufula

no mi ves consolât disint:

“Torna a comencjâ frut

chest ch’a tu jȏts al é

il cunfin tra picjul e grant”



Patate / da piccolo in autunno mi incombeva / seduto su uno sgabello / davanti al mucchio delle patate /appena raccolte e buttate / dalle gerle su un lenzuolo di iuta nel cortile / ancora piene di terra / e umide di umori / dover scegliere / quelle grandi e belle / da seme e da mangiare per noi / e lasciare quelle piccole / per i maiali // tolte e messe nei cesti / quelle più grandi / del pugno di mio padre /- non troppe ma ce n’erano – / e poi del mio / e poi di una mela /e poi di un uovo / e poi e poi e poi / me ne rimanevano due o tre / e non sapendo che decidere / le guardavo mortificato:/ una come una susina piccola / una come una susina grande // il maiale sarebbe morto di fame / se mia madre ridendo / e alzando una certa patata / non mi avesse consolato dicendo:/ “Ricomincia bambino / questo che vedi è / il confine tra piccolo e grande”

sabato 31 marzo 2018

IDA VALLERUGO, Neif, Neve, da lei stessa tradotta






credere ancora in quella cosa  

seppellita che si chiama poesia.  




Ida Vallerugo
foto Danilo de Marco


Ida Vallerugo

Neif

Cuièt dormitôri vissìn al nuia.
Un louc, il mont
a sirvìssin encja par lassâlu.


Ma tu, muârta, i tu mi custrinç
a cuntinuâ a rompi l’infièr
cun una sapa di vêri
e una tromba baroca
e lostès crôdi, crôdi


crôdi encja, unmò, in chê roba
sipilîda c’a si clama puisîa.
Par te i tôrni a scrîvi in mai
una puisîa su la neif
c’a splanarà prèst i liniamìns
di Midun, dal mont,
la lôur memoria dôlcja selvàdia.
Scôlta, a cumincja cussì


la neif
i siô vuès di lûs, la fôrma perfeta, la fuarcja splendour
la neif à soul i nêstri vôi
par vêdissi.




Neve

Quieto dormitorio accanto al nulla.  
Un luogo, il mondo 
 servono anche per uscirne. 

Ma tu, morta, mi costringi  
a continuare a rompere l’inferno 
con una zappa di vetro 
e una tromba barocca  
e tuttavia credere, credere 

 credere ancora in quella cosa  
seppellita che si chiama poesia.  
Per te io torno a scrivere in maggio 
 una poesia sulla neve  
che spianerà presto i lineamenti 
di Meduno, del mondo, 
 la loro memoria dolce selvaggia.  
Ascolta, comincia così 

 la neve  
le sue ossa di luce, la forma perfetta, la forza splendore 
la neve ha solo i nostri occhi  
per vedersi.



da Maa Onda, presentazione di Andreina Nicoloso Ciceri, I quaderni del Menocchio, 2, Circolo Culturale Menocchio, Montereale Valcellina (PN), 1997, s.i.p

venerdì 30 marzo 2018

Primavera 1938

Risultati immagini per brecht disegno


Primavera 1938

Oggi, domenica di Pasqua, presto

un'improvvisa tempesta di neve

si è abbattuta sull'isola.

Tra i cespugli verdeggianti c'era neve.  Il mio ragazzo

mi ha portato verso un piccolo albicocco attaccato alla casa

strappandomi ad un verso in cui puntavo il dito contro coloro

che stanno preparando una guerra che

può cancellare

il continente, quest'isola, il mio popolo,

la mia famiglia e me stesso. In silenzio

abbiamo messo un sacco

sopra all'albero tremante di freddo.

Bertold Brecht